Zurigo vuol diventare la Silicon Valley dei droni

zurigo

Può Zurigo diventare la Silicon Valley dei droni? In un rapporto viene suggerito che le probabilità sono molto alte, considerando che le principali aziende produttrici di droni aprono attività proprio in Svizzera. L’intenzione non nascosta è di trasformare la capitale in un centro di importanza mondiale per la produzione degli UAV, in risposta al Drone Tech Hive della Silicon Valley americana e della Cina.

Già adesso, a livello europeo, Zurigo è leader nella tecnologia dei droni, grazie alla ricerca e allo sviluppo che vengono condotti nell’ambito. Negli ultimi anni ciò ha creato una forte “comunità di droni” nella zona di Zurigo.

Ci sono già storie di successo, come quelle di Lorenz Meier e Kevin Sartori, co-fondatori della Auterion. Meier è responsabile dello sviluppo del PX4, che da anni è il software più utilizzato per gli UAV. Due anni fa, l’industria dei droni ha reso del software open source uno standard mondiale; ad eccezione della DJI, praticamente tutti i principali produttori di droni commerciali oggi usano il PX4.

Kevin Sartori ha dichiarato in merito: “Negli ultimi anni Zurigo è diventata leader mondiale per lo sviluppo della tecnologia basilare per i droni, ossia software per l’autopilota e per i sensori”.

La loro start-up Auterion con sede a Zurigo si occupa dello sviluppo mirato e dell’adattamento del software. Fra i clienti e i partner della Auterion ci sono grandi aziende come Intel, Bosch e Sony, ma anche produttori di droni come la Yuneec e la Matternet, i cui UAV vengono utilizzati per vari servizi inter-ospedalieri nella città ticinese.