Volocopter, test a Dubai: ecco il taxi-drone che non teme il traffico

volocopter

Verso la fine di settembre, a Dubai, si sono tenute delle prove tecniche che spianeranno la strada a un nuovo concetto di drone. Protagonista dei test è il taxi-drone Volocopter, un velivolo autonomo a 18 rotori che come dice il nome stesso avrà il compito di creare un’alternativa altamente tecnologica e funzionale al trasporto pubblico così come lo abbiamo sempre concepito.

Questo drone è totalmente elettrico, ha un’autonomia di 30 minuti ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 100 km/h (se a bordo ci sono due persone). Il tutto, a fronte di dimensioni abbastanza contenute: Volocopter misura 2 metri di altezza e 7 metri di diametro, dimensioni che fanno di lui un apparecchio capace di atterrare e decollare da piattaforme di qualsiasi tipo senza particolari problemi (in pratica il taxi-drone può prendere il volo persino dalle piattaforme dei grattacieli, oltre che dal terreno, proprio perché in grado di introdursi anche in spazi piuttosto ristretti).

Naturalmente Volocopter è stato dotato di tutta una serie di sistemi di sicurezza che dovrebbero evitargli cadute improvvise. Ad esempio, il mezzo è dotato di 9 batterie indipendenti che gli assicurano un’alimentazione esaustiva e di due paracadute che intervengono laddove dovesse capitargli qualcosa in piena fase di volo.

L’autorità di Dubai ha annunciato che il drone potrà essere usato come un taxi qualsiasi, per cui chiunque potrà prenotare la sua corsa mediante un’app: l’applicazione permetterà di impostare la destinazione e di completare il pagamento in modo totalmente automatizzato. In pratica, Volocopter diventerà a tutti gli effetti una sorta di Uber dei cieli.

La sfida più grande che questo taxi-drone dovrà superare (e che sembra stia riuscendo a vincere) è affrontare il traffico senza problemi: Noel Sharkey, esperto di scienza informatica all’Università di Sheffield, ha spiegato che i Vocolopter dovranno arrivare al punto tale da correggere continuamente la rotta per evitare di scontrarsi con palazzi, uccelli e altri droni in volo sulla medesima area.