Un drone per divertirsi? Sì ma attenzione a non violare la privacy

Negli ultimi tempi sono sempre più in voga i droni da selfie e per divertirsi. E’ esaltante scattarsi una foto con la prospettiva che solo la fotocamera in volo riesce a dare ed è lecito divertirsi in questo modo. Attenzione però a delle regole ben precise che il Garante della privacy ha pubblicato recentemente.

Usando il nostro drone per divertimento dovremmo quindi stare attenti essenzialmente a due elementi: non bisogna violare la privacy altrui con riprese video e foto aeree e, in secondo luogo, è necessario rispettare le normative che regolano i mezzi aerei a pilotaggio remoto e gli aeromodelli.

Se pilotiamo il nostro drone in luoghi pubblici come strade, giardini, parchi, non bisogna poi diffondere i video ottenuti dalle nostre riprese senza il consenso dei diretti interessati che senza volerlo sono finiti nella nostra clip. Quindi la diffusione di un video sui Social Network può rappresentare un problema ai fini della privacy. Solo le riprese giornalistiche a scopo divulgativo infatti sono tollerate dal Garante.

Inoltre dobbiamo prestare accortezza anche a filmare targhe di automobili e moto o indirizzi di abitazioni private: potremmo incappare nella mancata osservanza di norme penali.

Un drone che vola in spazi a noi vicini può dare la sensazione di essere osservati. E’ buona norma avvertire gli altri delle proprie intenzioni in modo che chiunque possa sentirsi libero di negare il proprio consenso e scegliere di non apparire nelle riprese.