Sui droni gli aeroporti europei chiedono una regolamentazione certa

aeromodello

L’Airports Council International ha pubblicato il 29 gennaio un documento sulla posizione ufficiale assunta dalla comunità aeroportuale in merito alla tecnologia degli UAV, che non solo vuole abbracciare in modo attivo,ma sulla quale pretende anche la rapida creazione di regole per gestire la sicurezza e il traffico dei droni.

Nel marzo 2015 l’Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea ha pubblicato il suo approccio regolamentare per gli UAV. A ciò ha fatto seguito la pubblicazione di un parere tecnico dell’Agenzia che introduce un quadro normativo per il funzionamento dei droni. Il quadro propone di dividere i droni in Europa e il loro regimi regolatori associati in tre categorie: aperta, specifica e certificata.

Secondo l’Agenzia, il quadro normativo per tutte e tre le categorie dovrebbe stabilire un livello adeguato di sicurezza, ma allo stesso tempo le regole di ciascuna categoria dovrebbero essere proporzionate al rischio dell’operazione specifica.

L’Agenzia prevede che la categoria “Aperta sia stabilita per le operazioni “a basso rischio” attuate con i droni e non richiederebbe autorizzazioni da parte delle autorità aeronautiche nazionali. Operatori e piloti dei droni di questo gruppo, siano essi commerciali o meno, sarebbero quindi soggetti a un sistema normativo minimo per l’aviazione. Per le categorie “Specifica” (rischio medio) e “Certificata” (rischio più elevato), l’Agenzia prevede requisiti più rigorosi.

La strategia dell’Agenzia Europea ha contribuito in modo determinante allo sviluppo di una nuova regolamentazione sull’uso dei droni. Con l’accordo politico sul nuovo regolamento e l’approvazione della Dichiarazione di Helsinki da parte della comunità aeroportuale alla fine dell’anno scorso, le prospettive per un regolamento certo da parte dell’UE sull’uso dei droni ha acquisito ulteriore slancio.

La tecnologia dei droni è rapidamente venuta fuori nell’ultimo quinquennio. Le potenziali implicazioni sull’efficienza operativa e sulla sicurezza devono essere prese in considerazione nel breve periodo, mentre i progetti in corso sulla ricerca e lo sviluppo stanno proponendo ulteriori e specifici utilizzi dei droni.