Riga come hub dell’Est europeo nel mondo dei droni

riga

Potrebbe apparire strano pensare alla Lettonia come ad un paese dal fascino tecnologico; eppure la capitale Riga è diventata una sorta di hub dell’Europa dell’Est per quanto riguarda gli appassionati di droni. L’industria dei piccoli UAV sta rapidamente emergendo, creando un terreno fertile per la produzione, il trasporto e  alle corse dei droni.

Una società chiamata Atlas Aerospace inizierà presto a produrre droni nella capitale su larga scala, con un impianto che produce componenti in carbonio. L’obiettivo è quello di creare un hub per la costruzione di droni, che alimenterebbe l’industria degli UAV nel paese. Anche le corse dei droni stanno diventando l’eSport per i lettoni, creando tantissimo entusiasmo. I cittadini di Riga sono a tutti gli effetti considerati il gruppo più attivo nell’ambito delle competizioni tecnologiche, corse dei droni comprese.

Lettdian Airdog avrebbe progettato droni appositamente per il mercato degli sport estremi, ma non solo. Ha prodotto degli UAV dotati di videocamere GoPro che la compagnia chiama “Aerones”, in grado di trasportare carichi pesanti e di intervenire in casi di incendi. In poche parole, anche Riga sta dimostrando l’intenzione di avvalersi dei droni un po’ come succede nelle altre metropoli nel mondo, sia nell’ambito degli incendi che nei trasporti, per rilanciare l’economia e gli investimenti.

L’avvento dei moderni UAV, con la loro convenienza e le loro caratteristiche pratiche, si sta lentamente ma sicuramente affermando come la chiave per un’ampia varietà di problemi. I droni sicuramente sono un’opzione più rispettosa dell’ambiente rispetto alla consegna convenzionale dei camion, e potrebbero potenzialmente trasportare i cittadini da un luogo all’altro entro il prossimo decennio, e quindi appare giusto e doveroso che Riga voglia partecipare a questo progetto.