Parigi spinge per una legislazione europea sui droni

legislazione droni
 

Il 16 e il 17 gennaio gli attori protagonisti nel settore dei droni e provenienti da tutta Europa si sono incontrati per fare il punto sulla legislazione degli UAV ricreativi, considerando il considerevole aumento del loro uso in tutto il vecchio continente.

Da questo incontro è uscito fuori che la registrazione dei piloti di droni diventerà obbligatoria. Inoltre, dovrà essere segnalata la zona pubblica in cui si ha intenzione di far volare il drone in modo tale da essere avvisati in tempo reale della presenza di altre velivoli nello stesso posto. Tutti gli UAV avranno un sistema che non gli permetterà di volare oltre una certa altezza o di avvicinarsi troppo agli aeroporti. Tutte quelle società la cui attività si basa sull’utilizzo dei droni, possono tranquillamente esercitarla da un paese ad un altro senza dover far fronte a pratiche burocratiche interne.

Insomma, questo è lo scenario in cui istituzioni, gruppi di riflessione, federazioni di droni civili e professionisti del settore stanno lavorando. “L’urgenza è diventata necessaria” hanno detto coloro che hanno partecipato a questo simposio dal simpatico nome “RPAS CivOps” (Acronimo di “Operatori di sistemi di aeromobili civili pilotati a distanza) presso la sede della Direzione generale dell’aviazione civile francese (DGAC).

L’urgenza risiede nel fatto che il mercato dei droni civili continua la sua vertiginosa progressione, in tutti i paesi d’Europa. Solo nel 2016 in Francia sono state venduti ben 416.000 UAV e nel 2017 hanno oltrepassato la soglia del mezzo milione. Cresce anche il settore degli UAV professionali, rappresentato da migliaia di piccole e medie imprese che hanno avviato un’attività attorno alle capacità di una o due macchine volanti.

Che lo voglia o no, l’Europa (così come il resto del mondo) si ritroverà nei prossimi anni di fronte a problemi sempre più frequenti di invasione dello spazio aereo, collisioni e persino morti, causate da questi velivoli senza pilota. Quindi creare delle regole certe in modo uniforme potrà garantire sicurezza e privacy.