In forte aumento l’utilizzo dei droni nel settore dell’edilizia

droni edilizia
 

Lo sviluppo tecnologico dei droni nel corso degli ultimi anni ha influenzato numerosi settori industriali. Uno di questi è quello dell’edilizia, all’interno del quale l’utilizzo dei veicoli senza pilota ha avuto un’impennata del 239%.

Ma se in Italia l’utilizzo tarda ad imporsi, negli Stati Uniti si è già diffuso a macchia d’olio. La McCarthy Building Companies, una delle maggiori società di costruzioni americane, è indubbiamente la fautrice di alcuni importanti cambiamenti. Secondo Ryan Moret, manager della società, il DJI Phantom 4 rappresenta l’evoluzione. Grazie al facile utilizzo, il drone riesce a fornire immagine aeree di alta qualità e a basso costo.

“Ha un costo abbastanza basso e le immagini che cattura sono qualitativamente elevate” ha affermato. Lo stesso Moret è stato il primo a pilotare un drone per conto della McCarthy Building Companies; il suo primo incarico fu quello di sorvegliare i lavori di costruzione dell’ospedale pediatrico di Plano, in Texas. Naturalmente, i primi giorni di utilizzo del drone per il rilevamento causò in Moret un po’ di nervosismo. “Il suo volare sopra il cantiere mi trasmetteva una sensazione intimidatoria”.

Come mai gli UAV stanno imponendosi in modo così prepotente in vari settori? Grazie alla loro facilità d’uso e la loro praticità. Se prima venivano utilizzati costosi elicotteri per servizi di raccolta di notizie, monitoraggio, indagine e mappatura in settori come agricoltura ed edilizia, adesso coi droni i costi sono notevolmente scesi. Dispongono di telecamere HD e ultra HD, visione notturna e termografia, diventando quindi molto funzionali e convenienti da inserirsi facilmente in una lista sempre crescente di casi d’uso.

In definitiva, mentre i droni nel settore edile non sono nuovi, il continuo aumento e l’adozione crescente da parte delle aziende che tradizionalmente hanno fatto affidamento sui metodi convenzionali è sicuramente un cambiamento entusiasmante.