Il Malawi apre corridoi aerei per i droni umanitari

droni umanitari in malawi

In Malawi l’Unicef sta organizzando dei veri e propri corridoi aerei per fare spazio ai droni. Il Malawi, piccolo stato dell’Africa Orientale sito tra Mozambico, Tanzania e Zambia, è uno dei primi Paesi del Continente ad aver beneficiato dei droni umanitari Unicef, cioè di quei droni che servono essenzialmente a una cosa: a fornire aiuti alla popolazione locale, stremata dalla fame, dalla sete e dal dilagare delle malattie.

I droni umanitari sono un alleato molto potente delle organizzazioni benefiche, perché permettono di fornire acqua, cibo e medicine ai popoli che ne sono sprovvisti, e di farlo in tempi brevi e a costi contenuti. La base operativa dei droni Unicef è stata individuata nell’aeroporto di Kasungu, importante città che si trova al centro il Paese e per questo ritenuta strategica per gestire operazioni di questo tipo.

I funzionari del Fondo delle Nazioni Unite che si trovano in Malawi hanno dichiarato che i primi test di volo dei droni umanitari hanno restituito risultati assolutamente degni di nota: anche nelle cosiddette aree critiche sembra che ci siano stati risultati sorprendenti per quel che riguarda il trasporto di medicinali.

Jappie Mhango, ministro dei Trasporti del Malawi, ha dichiarato che il governo ha fatto molto e molto farà per potenziare l’uso dei droni a scopo umanitario. In effetti questo è un Paese da sempre alleato dei droni: il Malawi, già nel 2016, ha utilizzato i velivoli per monitorare le inondazioni e per velocizzare il trasporto di sangue.