Enlod, nasce la rete Internet per lo scambio di energia fra droni

droni xiro

Per combattere il limite di autonomia energetica dei droni, i ricercatori dell’Università di Cambridge e della KoC University hanno pubblicato un documento in cui è descritto quello che è stato chiamato “Internet Neutrale dei Droni” e che ha lo scopo di potenziare la connettività dei droni l’uno con l’altro, permettendogli di condividere reciprocamente le risorse energetiche e quindi creare una flotta auto-sostenibile e continuamente operativa.

La rete è stata chiamata Enlod ed è ad esclusivo utilizzo dei droni; quando un drone di sorveglianza ad esempio sta per esaurire la carica della batteria, i suoi “colleghi” nelle vicinanze si spegneranno per fornirgli un po’ di energia. Questo vale anche per i trasferimenti di dati e la possibilità di condividere garantendo la sopravvivenza di qualsiasi informazione importante raccolta.

Contemporaneamente a questa ricerca, i ricercatori della Microsoft, della Altitude Angel e del London Imperial College ha creato una rete per coalizzare tutte le risorse comprese nelle attività dei droni che si verificano simultaneamente, in modo da fornire ad ogni singolo operatore di volo, al costruttore e alle autorità locali tutte le informazioni necessarie per avere un quadro esaustivo di ciò che accade sulle nostre teste.

Secondo Motherboard, la motivazione principale qui è la resilienza. Poiché questo approccio è stato sviluppato principalmente per le operazioni basate sulla sicurezza e sulla sorveglianza, una rete come questa non può permettersi di essere ostacolata da problemi quali la durata della batteria o scarsa comunicazione tra gli UAV. Quindi questi gruppi di ricerca si sono concentrati molto sui droni che servono e si sostengono senza l’assistenza fisica degli umani.

Se un drone perde la comunicazione con la rete (tra droni, satelliti, stazioni sul terreno o altro), un altro drone semplicemente aiuterà e trasporterà i dati necessari. In poche parole è come un client torrent, dove i pacchetti di dati vengono prelevati da qualsiasi luogo i cui si trovano i droni, continuamente e senza dover fare affidamento su un singolo utente o connessione.