Dji Spark, a breve il firmware obbligatorio che ne risolverà i problemi

DJI Spark

Qualche settimana fa veniva segnalato uno strano comportamento da parte di Dji Spark. Un comportamento che, così come abbiamo riportato anche noi, sembrava indurre lo Spark allo spegnimento improvviso in piena fase di lavoro e all’attivazione di un atterraggio di emergenza. Il produttore cinese, sin dalle prime avvisaglie, aveva annunciato di aver avviato le opportune indagini volte a fare chiarezza sulla questione, e ora che sono passati un po’ di giorni sembra che la cosa sia ancora in sospeso, ma comunque in via di risoluzione.

Alcuni esperti del settore che seguono da vicino le dinamiche interne al mondo dei droni, infatti, giurano che di qui a breve Dji rilascerà un nuovo firmware obbligatorio. Un aggiornamento che dovrebbe per l’appunto risolvere i bug riscontrati finora.

Prima della messa in vendita dei droni vengono eseguiti numerosi test, ma evidentemente alcune unità possono sfuggire persino al controllo di qualità e finire sul mercato pur essendo difettose. Nel caso di Dji Spark, però, il problema non ha avuto nulla a che vedere con un errore da parte del reparto deputato al controllo qualità, in quanto il malfunzionamento dell’apparecchio è stato accertato avere una origine software, e non hardware. Non c’è quindi alcun bisogno di procedere alla sostituzione dell’apparecchio o alla manutenzione della sua componentistica per risolvere il problema.

Ecco spiegato il motivo per cui Dji conta di risolvere la questione mediante il rilascio di un semplice firmware. Il produttore vuole eliminare il prima possibile il rischio di incolumità per le persone: un rischio che Dji Spark ora come ora non fa che sollevare. La ragione dell’obbligatorietà dell’update, d’altronde, è legata proprio a questo. Cosa accadrà a chi non darà il via l’aggiornamento, quindi, lo si può prevedere senza tanti giri di sorta: molto semplicemente, i droni non aggiornati cesseranno di funzionare!