Consegna merci con drone: Piaggio conclude il primo test europeo

piaggio p1hh

Di test in questo senso ne sono stati fatti parecchi e a quanto pare anche la Piaggio ci ha messo del suo. La divisione Aerospace della Piaggo, infatti, l’11 ottobre scorso ha condotto un volo di simulazione di un trasporto cargo all’aeroporto di Trapani.

L’apparecchio coinvolto, un P.1HH. L’Enac ha fatto sapere che le attività di volo “hanno permesso la simulazione di scenari operativi di trasporto cargo in modalità automatica, a supporto di scenari normali, di emergenza o di protezione civile, con simulazione del rilascio in un punto prestabilito di un carico di beni di prima necessità (medicinali, alimentari e così via…)”.

Il test, inoltre, è servito anche a valutare “l’atterraggio del velivolo in modalità automatica (ATOL) in una località remota, anche a fronte dell’assenza di un assistente di volo preposto (Air Traffic Control”. L’ente ha aggiunto che quello condotto a Trapani è stato l’unico esperimento in Europa ad essere stato effettuato con questa classe di sistemi a pilotaggio remoto.

Si continuano così a fare grossi passi in avanti nel programma che l’Enac ha affidato al Raggruppamento Temporaneo d’Impresa (composto da Bcube, e U-Avitalia-Piaggio Aerospace). Un programma, lo precisiamo, che servirà all’Enac per redigere un apposito regolamento riguardante appunto i droni mirati al supporto delle attività di logistica, di attività commerciali e ad uso governativo.

Il P.1HH che è stato utilizzato per i test rappresenta ad oggi l’unico vero sistema UAS Male in circolazione in Europa. Si tratta non a caso di un prodotto di fascia alta, composto da due velivoli a pilotaggio remoto, da una Ground Control Station e da una serie di sistemi integrati di navigazione e missione. Prime consegne al via dal 2018.