Api in diminuzione: e se i droni fossero un’alternativa per l’impollinazione?

ape

Le api sono insetti di fondamentale importanza per il regno vegetale, grazie al vitale contributo che danno con la loro impollinazione; purtroppo la popolazione sta continuando a diminuire e l’impatto negativo sull’ambiente potrebbe essere devastante.

Le preoccupazioni da parte di agricoltori e ambientalisti non sono di certo recenti: l’allarme è scattato già da un bel po’ di anni e i rimedi cercati e provati sono vari. L’ultimo è stato messo in atto da una società di New York chiamata Dropcopter, la quale ha fornito la Beak & Skiff Apple Orchard, meleto locale, di un ritrovato ad alta tecnologia: piccoli UAV che impollineranno i meleti.

Secondo il co-fondatore Adam Fine, il drone sarà in grado di impollinare in misura adeguata da sopra la chioma dell’albero, in modo autonomo, programmato e dall’elevata efficacia.

Come evidenziato sopra, ci sono altri sistemi che provvedono all’impollinazione: l’utilizzo di grandi irroratrici liquide montate su trattori o soffiatori montati su squad. Entrambe sono problematiche a causa della mancanza di portata e, nel caso degli irroratori liquidi, della natura sensibile alle condizioni metereologiche del polline una volta miscelato con il liquido. Per questo l’utilizzo dei droni viene attualmente considerato l’unico mezzo efficace.

Basti pensare alla capacità insita nei droni della Dropcopter: massima copertura di 40 acri all’ora e capacità di lavorare anche di notte, un grande vantaggio considerando che le stesse api non volano durante la notte ed i fiori rimangono ugualmente aperti. La società è in cerca di finanziamenti per implementare l’efficienza sulla traiettoria dei droni.

Naturalmente, il futuro utilizzo dei droni per l’impollinazione non può certo far scemare le preoccupazioni; la popolazione delle api va comunque salvaguardata dall’estinzione e gli UAV, pur nella loro indubbia utilità, devono essere visti come alternativa da utilizzare quando le api non possono volare per diversi motivi.