Ambiente: droni per il controllo di foreste e sostanze inquinanti

drone monitora inquinamento ambientale

L’inquinamento imperversa praticamente ovunque, ed è anche per questo motivo che i droni di ultima generazione si stanno specializzando in questo, cioè nel monitoraggio dell’ambiente e nell’acquisizione di “dati sensibili”. In particolare, il Crea ha presentato una ricerca davvero molto interessante; una ricerca che parla di inquinamento ambientale e dell’impatto che questo ha sulla popolazione.

Oltre ai classici dati, il Crea ha lanciato un sistema capace di rilevare quanti gas e sostanze inquinanti ad effetto serra riescono ad assorbire le foreste. Gli studiosi si sono avvalsi in sostanza di tecniche micro meteorologiche in grado di stimare in real time la capacità delle foreste urbane di “divorare” le sostanze inquinanti che circolano nell’aria.

Ma non è tutto. L’impiego di droni e satelliti ha poi permesso di rilevare lo stato di salute dell’ecosistema forestale, con tutto ciò che ne consegue in quanto a segnalazione di aree affette da malattie o parassiti, o di aree vittime di eventuali incendi. Insomma, droni e satelliti di ultima generazione ci permetteranno di monitorare le foreste urbane e lo stato dell’inquinamento.

Da questo monitoraggio avremo anche modo di capire quali sono le piante che assorbono più inquinanti, così da poterne poi piantare di nuove laddove ce ne sarà bisogno. Ad esempio, se da questo intenso lavoro di monitoraggio risulterà che le specie x, y e z siano quelle più adatte alla purificazione dell’aria, allora, nelle zone più inquinanti del nostro Paese, potremo piantare nuove unità di x, y e z per depurare l’aria in modo totalmente naturale. Mica male, no?