Airmap e Skyguide: in Svizzera il primo sistema di gestione del traffico dei droni

svizzera

L’Airmap, famosa piattaforma di intelligence dello spazio aereo, in collaborazione con la Skyguide, fornitore di servizi di navigazione aerea, creerà il primo sistema di gestione del traffico nazionale di droni in Europa.

Il sistema, chiamato Unmanned Traffic Mangement e noto anche come U-space, verrà lanciato per la prima volta in Svizzera. La fase pilota del progetto partirà a giugno, preparando il terreno per un sistema di gestione del traffico dei droni completamente operativo entro il 2019. Nel comunicato stampa si legge che “l’U-space garantirà che tutte le categorie di droni e tutti i tipi di missioni possano prendere piede in sicurezza nello spazio aereo svizzero”.

L’U-space includerà caratteristiche come:

  • Registrazione basata su Blockchain per utenti e droni;
  • Geofencing dinamico e autorizzazione istantanea dello spazio aereo digitale;
  • Avvisi sul traffico in tempo reale per i piloti dei droni e telemetria degli stessi in diretta per i gestori dello spazio aereo;
  • Connettività e comunicazione tra i piloti dei droni e gli amministratori dello spazio aereo;
  • Altri servizi per consentire voli simultanei nello spazio aereo condiviso.

Sarà interessante vedere quanto velocemente la Svizzera passerà dalla fase pilota ad un sistema pienamente operativo. Tuttavia, per l’adozione su larga scala e l’integrazione dei droni nello spazio aereo esistente in modo sicuro e protetto, è importante che l’UTM funzioni perfettamente in tempo reale e che sia completamente integrato con i sistemi esistenti di gestione del traffico aereo dei velivoli ordinari.

Nel frattempo, ci sono una serie di questioni riguardanti la sicurezza, la privacy e le modifiche normative che dovrebbero essere prese in considerazione e risolte prima che i servizi di consegne effettuati dai droni possano avvenire su una scala più ampia.