A Reykjavik verrà implementata la consegna di cibo tramite i droni

Reykjavik

La Aha, il più grande mercato online islandese, grazie alla collaborazione con la Flytrex ha intenzione di espandere il numero dei droni in volo su Reykjavik. Il progetto prevede questa implementazione per i prossimi due anni. Le aspettative dei residenti della capitale saranno quelle di vedere i droni fuori dalla propria porta in attesa di consegnare un pacco.

Tutto ciò posizionerà l’isola al primo posto come nazione europea all’avanguardia nella distribuzione tramite i droni. Tra i possibili utilizzi sono annoverati la consegna della pizza, di un piccolo plico e il trasporto di organi. Sono 13 le rotte che la società potrà utilizzare per fa volare i droni attorno a Reykjavik, con deviazioni fino a 700 m per raggiungere i clienti. Con questa autorizzazione, la copertura riguarderà circa la metà della capitale.

Le preoccupazioni però non mancano, nonostante il potenziale insito in questa attività. Legislatori e popolazione temono non solo la violazione della privacy, ma anche la possibilità che gli UAV possano subire dei malfunzionamenti e cadere dal cielo mettendo in pericolo l’incolumità dei residenti.

Yariv Bash, fondatore della Flytrex, ha cercato di dissipare le preoccupazioni. “Nessuno vedrà mai un frigorifero volare sopra la propria casa in tempi brevi” ha affermato. I droni della Aha potranno trasportare un peso massimo di 3 kg. Un altro timore è quello del sabotaggio. “Una cosa del genere è difficile che si verifichi” ha dichiarato Bash “in quanto i droni viaggiano a circa 50 km/h e a malapena si vedono”.

Per Bash la risposta dei potenziali utenti sarà positiva. “Nel momento in cui un tuo vicino ordina la sua bottiglia di vino che ha dimenticato per cena e la ottiene in 15 minuti, la vorrai anche tu”.